SIAMO PRONTI

Questo è il primo post di 16alminuto: una traversata, un sogno, un obiettivo, un render omaggio ai Caduti, una condivisione, un desiderio di relazione… Un’idea nata dalla domanda: “Cosa voglio per me, ADESSO!”.
Solo un anno fa mai mi sarei immaginato di scrivere un post che parlasse di qualcosa del genere… Anzi, per come sono fatto, mai mi sarei immaginato di scrivere un post in un social!
Eppure, da quando ho deciso di vivere la vita (e non sopravvivere), la vita mi fa vivere. Ogni giorno le parole che mi ritrovo di più a usare sono: emozione, autenticità, sogno, aiuto, grazie. È proprio vero che le cose semplici sono le più soddisfacenti e durevolmente appaganti.
Per me riflettere su ciò che sono, i miei valori, le cose che mi piacciono, le cose in cui credo ha di naturalmente formato dei desideri. IO SONO l’amore rispettoso per la Montagna, l’esperienza con gli Alpini, la gratitudine verso le generazioni che mi hanno preceduto, lo sguardo di fiducia verso il futuro che l’educazione, con un metodo, mi permette… Perché non quagliare tutto insieme? Perché aspettare che qualcosa fatta da qualcun altro accada e mi dia la spinta? Perché non agire ADESSO?
Finché scrivo i pensieri passano fluidi dal cuore allo schermo. A volte, ripensando alle persone che ho incontrato nei miei “primi quarant’anni”, perdo un battito; e stare sincronizzato su questo mi piace e “capisco di essere in ballo per qualcosa di grosso”, grande pensiero di Pete Townshend degli Who!
Spero di non risultare troppo melenso o romantico. Credo però per non ci sia impresa senza motivazione, senza il carburante della vita: le emozioni. Saperle capire e governare significa avere molte più possibilità di arrivare alla meta. Diversamente, pur se al cospetto di un significativo risultato (agli occhi degli altri), non ci sarebbe impresa di valore e successo per me stesso.